Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

(CR) L’immaginario di S. Ignazio di Loyola, Manresa e Montserrat, è tornato a bussare alla porta di Francesco. Il papa non esclude di visitare Manresa in occasione dell’Anno Ignaziano del 2022. Lo ha detto il cardinale arcivescovo di Barcellona Joan Josep Omella alla stampa, al termine della riunione dei vertici della Conferenza Episcopale Spagnola con il S. Padre sabato 19 settembre.

“Soprattutto perché non conosce Manresa” ha sottolineato Omella, aggiungendo che “per un gesuita questo è un richiamo”. Omella ha detto che il papa studierà la possibilità di questo viaggio in Catalogna anche in base all’evoluzione della pandemia e della sua salute.

La proposta dei vescovi rinnova l’invito che già era stato fatto nel mese di giugno dal Comune di Manresa: durante quell’udienza fu spiegato al pontefice il progetto della città per il 2022 in occasione dei 500 anni della permanenza di S. Ignazio nel capoluogo del Barges. La principale attrattiva di Manresa per un papa gesuita è proprio la figura del fondatore della Compagnia di Gesù.

A Montserrat e nei mesi in cui visse a Manresa, S. Ignazio completò il suo itinerario spirituale ed elaborò gli Esercizi Spirituali. Per l’universo gesuita sono riferimenti spirituali la “Cova” (grotta) dove visse e il belvedere sul fiume Cardener dove ricevette la sua illuminazione. Va considerato anche lo sforzo per rilanciare a livello internazionale il Cammino Ignaziano, dalla casa natale a Loyola fino a Manresa passando per Montserrat. E il lavoro sociale promosso a Manresa da suor Lucia Caram, dal convento di S. Chiara, per accogliere bambini e famiglie vulnerabili.

Il papa ha ricevuto Omella in qualità di presidente della Conferenza Episcopale Spagnola (CEE) insieme all’arcivescovo di Madrid, il cardinale Carlos Osoro, e al segretario generale della CEE, il vescovo ausiliare di Valladolid Lluis Argüello. Una riunione abituale quando si rinnovano le cariche nelle Conferenze episcopali – a marzo Omella fu eletto presidente nell’assemblea plenaria – e che, per la pandemia, non era stato possibile tenere fino ad ora..