Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

Galleria di immagini

(Jordi Llisterri –CR/Roma)  "Ci sto ancora riflettendo." Questa è la risposta che Papa Francesco ha dato con un sorriso ai vescovi catalani quando hanno apertamente proposto la possibilità di una visita a Manresa. Dopo l'incontro con il Papa, culmine della visita Ad Limina dei vescovi della Catalogna, della Comunità Valenciana e delle Isole Baleari, il cardinale Joan Josep Omella ha spiegato che era emerso il tema di una possibile visita a Manresa e a Santiago. Secondo Omella, al Papa "interessa molto" e "abbiamo insistito sul fatto che ci piacerebbe che venisse a Santiago e Manresa, nell'anno del Giubileo ignaziano e come gesuita".

Questo è uno dei temi dell'incontro di venerdì scorso con Papa Francesco, che non chiude le porte a una visita a Manresa. Tuttavia, Omella ha evidenziato l'interesse di Francesco per i viaggi alla periferia della Chiesa e le difficoltà della situazione sanitaria mondiale.

Dopo l'incontro con il Papa, i tre arcivescovi delle province ecclesiastiche in ​​visita ad Limina hanno tenuto una conferenza stampa con corrispondenti a Roma: il cardinale Omella, l'arcivescovo Joan Planellas e il cardinale Antonio Cañizares. Il tema della conferenza stampa è stata la risposta della Chiesa spagnola agli abusi sui minori. I vescovi hanno spiegato che la questione è stata apertamente discussa sia nell'incontro con il Papa che con la Congregazione per la Dottrina della Fede, che si occupa di tali casi. Ma nell'incontro con Papa Francesco non è stato il tema più importante. In effetti, tutto il lungo incontro è stato un colloquio molto vario, in cui tutti i vescovi sono potuti intervenire. E si è sviluppato in modo molto informale e affrontando le questioni in modo ampio.

L'arcivescovo di Tarragona e presidente della Conferenza episcopale tarraconense, Joan Planellas, ha spiegato che anche la situazione politica catalana è stata presa in considerazione "brevemente" e in modo molto generale. La questione fu molto più presente nella visita ad Limina del 2014 quando il Papa incontrò solo i vescovi catalani.

Planellas ha spiegato che “noi, come Chiesa, abbiamo il dovere fondamentale di rendere presente il Vangelo nelle nostre diocesi, nella nostra società, e che dobbiamo evitare qualsiasi ideologia che possa portare alla polarizzazione”. Nella conversazione è stato affermato che in Catalogna “la polarizzazione politica in questo momento c’è e in qualche modo dobbiamo sanare queste ferite, aiutare a sanare queste ferite. Questo è ciò di cui si è parlato".

L'impressione che hanno avuto i vescovi quando si è toccato il tema della Catalogna è che il Papa sia perfettamente consapevole della realtà del Paese. E che condivide questo approccio dell'episcopato. Secondo Omella, durante l'incontro sulle questioni politiche "non si è scesi in questioni concrete della Catalogna o di Valencia: sono emersi solo i temi della partigianeria o della polarizzazione e che la politica debba essere un vero servizio al popolo".

Omella ha condiviso la spiegazione di Planellas e ha aggiunto che l'accoglienza dell'immigrazione è un altro tema all'ordine del giorno delle diocesi catalane che interessa la Santa Sede. Il Papa ha ricordato anche il suo intervento in occasione della benedizione della Torre di Maria della Basilica della Sagrada Familia. Ne ha parlato come modello per “dare luce in un tempo di tenebre” e della Basilica “come segno di dialogo tra fede e cultura, arte e fede”.

Planellas ha anche sottolineato che nell'incontro presso la Congregazione per i Vescovi ha spiegato il lavoro congiunto delle diocesi con sede in Catalogna, che risale al 1969: “Questo è ben visto, perché ci sono questioni che possono essere specifiche della situazione locale".

Quanto alla situazione dell’ex vescovo Xavier Novell, Omella ha anche spiegato che la questione è emersa brevemente nella conversazione, ma solo per esprimere "il desiderio di continuare a servire la comunità di Solsona e di rispettare la persona, il nostro fratello Xavier Novell".

La risposta ai casi di abusi sui minori e la possibilità di aprire un'indagine generale in tutto lo stato è stata sollevata in diverse domande. Omella ha sottolineato il “dolore che tutti proviamo per questi eventi” e che “ogni diocesi ha una commissione per raccogliere le denunce, per accompagnare le vittime e per lavorare perché non si ripetano”.

Il Presidente della Conferenza Episcopale Spagnola ha insistito sul fatto che tutti i casi recentemente pubblicati dal quotidiano El País sono stati trasferiti alle diocesi o alle istituzioni coinvolte e che si sta dando una risposta: “Abbiamo condiviso questo con la Congregazione della Dottrina della Fede e con il Papa” cosa che “sembra opportuna alla Santa Sede”. Ha anche affermato che sarebbe bene che "tutte le istituzioni intraprendessero questa strada per evitare questo flagello e danno alla società", senza valutare se in Spagna sarebbe necessaria un'iniziativa di ricerca congiunta.

Il cardinale Cañizares è intervenuto per mettere in discussione le accuse mosse da El País, ed è stato coinvolto in una discussione con il corrispondente del giornale sulla sua veridicità. Una situazione che Omella ha dovuto moderare, riconoscendo che "il giornale ha fatto un servizio e ora va completato". Involontariamente, la situazione ha messo in evidenza la diversità dei criteri dell'episcopato spagnolo mentre affronta pubblicamente le accuse di abusi sui minori.

Di fatto, durante tutta la conferenza stampa, il cardinale Cañizares ha puntualizzato gli interventi conciliatori di Omella e Planellas. Ad esempio, mettendo sul tavolo l'opposizione all'"ideologia di genere", la mancanza di libertà in Spagna, o la possibile beatificazione di Isabella la Cattolica come segno del ruolo che le donne dovrebbero svolgere nella Chiesa.

I vescovi catalani hanno espresso un giudizio molto positivo sulla visita ad Limina. Planellas ha sottolineato che “durante le mie visite ai vari dicasteri sono rimasto sorpreso dalla grande vicinanza ai temi e ai problemi delle nostre chiese”. E hanno anche sottolineato l'importanza del prossimo Sinodo sulla sinodalità, come “un nuovo modo di camminare come Chiesa”. Omella ha sottolineato "l'armonia con i dicasteri" e che è stata l'occasione per "convivere di più tra noi, le tre province ecclesiastiche, e il nostro rapporto si è rafforzato".

Il cardinale ha definito l'incontro con il Papa un “dialogo di fraternità” con “un fratello tra fratelli”. Oltre a sottolineare “il buon umore del Papa in mezzo alle difficoltà”. Planellas ha notato "un dettaglio apparentemente minore": che il Papa "si riferisca a se stesso come vescovo di Roma" o che parli "dei miei diocesani". Ha spiegato loro anche, come esempio di un tema pastorale, ciò che si fa concretamente in una parrocchia di Roma, la diocesi del Papa.