Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

(Jordi Llisterri –CR) Duro colpo per la comunità diocesana, nella celebrazione di Santa Eulàlia, patrona di Barcellona. Antoni Vadell i Ferrer, vescovo ausiliare di Barcellona e vicario generale, è morto sabato mattina all'età di 49 anni. Lo scorso luglio era stato annunciato che il vescovo soffriva di cancro al pancreas e che stava riducendo la sua attività per affrontare le cure. Tuttavia, negli ultimi mesi ha mantenuto buona parte dell'agenda. Ma prima di Natale la malattia si è complicata e dopo diversi ricoveri non è riuscito a superarla.

La morte del vescovo Vadell ha avuto un profondo impatto per la sua giovane età. Nel 2017, quando fu nominato vescovo, proveniente dal clero di Maiorca, a 45 anni era l’ordinario più giovane di tutta la Spagna. Per di più, ha dedicato il breve periodo del suo ministero episcopale soprattutto al mondo dei giovani, della catechesi e del catecumenato, guadagnandosi l'affetto e la vicinanza delle persone che ha accompagnato. “La nostra vocazione pastorale è stare con il popolo”, disse quando fu nominato. Ed è stata la sua dedizione principale in questi 5 anni vissuti con entusiasmo e carisma. Anche per questo, durante la sua malattia, gruppi di giovani dell'arcidiocesi hanno organizzato veglie di preghiera per sostenerlo.

In questi mesi ha anche potuto essere accompagnato dalla famiglia di Maiorca, che si è trasferita a Barcellona, ​​in particolare sua madre, rimasta vedova 2 anni fa.

Antoni Vadell fu nominato vescovo ausiliare di Barcellona nel giugno 2017. Lui e il vescovo Sergi Gordo sono stati i primi due ausiliari che il cardinale Joan Josep Omella ha avuto dal suo arrivo a Barcellona.

 

La sua nomina a Barcellona fu una sorpresa, ma aveva già conosciuto la realtà della Chiesa in Catalogna attraverso il suo lavoro nel Segretariato Interdiocesano per la Catechesi della Catalogna e delle Isole Baleari, che coordina la catechesi dei bambini e degli adulti delle dieci diocesi catalane e delle tre delle Baleari.

Nato a Llucmajor il 17 maggio 1972, all'età di 14 anni entrò nel Seminario Minore. Proseguì la sua formazione sacerdotale e gli studi a Maiorca, dove fu ordinato sacerdote nel 1998. Completò gli studi teologici a Roma nel 2009, laureandosi in Pastorale giovanile e Catechesi presso la Pontificia Università Salesiana. Per vent'anni la sua opera sacerdotale si è svolta nella diocesi di Maiorca.

In una prima fase nelle parrocchie e nelle scuole, e dal 1999 al 2006 come Rettore del Seminario Minore. In seguito è diventato professore presso il Centro di Studi Teologici e l'Istituto Superiore di Scienze Religiose di Maiorca (ISUCIR), delegato diocesano per la Pastorale Vocazionale e la Pastorale Catechetica e formatore del Seminario Maggiore.

È entrato a far parte del governo diocesano nel 2013, quando il vescovo Xavier Salinas lo ha nominato vicario episcopale per l'Evangelizzazione. Questa responsabilità nella Curia è stata combinata con la guida dell'Unità Pastorale Inca, che ha integrato il lavoro congiunto di diverse parrocchie della zona. Fu anche membro del Collegio dei Consulenti e del Consiglio Presbiterale della diocesi di Maiorca. Nel 2015 papa Francesco lo ha nominato Missionario della Misericordia.

Dopo l'ordinazione episcopale nella Basilica della Sagrada Família a Barcellona, ​​è stato eletto presidente della Segreteria Interdiocesana per la Catechesi della Catalogna e delle Isole Baleari della Conferenza Episcopale Tarraconense. Nella Conferenza Episcopale Spagnola è stato membro della Sottocommissione per la catechesi e della Commissione per l'evangelizzazione, la catechesi e il catecumenato.