Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

(CR)  Domenica sera si è svolta una veglia di preghiera per la salute del vescovo ausiliare di Barcellona Toni Vadell. A luglio era stato reso noto che gli era stato diagnosticato un tumore al pancreas e che sarebbe stato sottoposto a chemioterapia. Domenica sera, attraverso WhatsApp, è stato comunicato che è ricoverato in gravi condizioni e che “ora più che mai il vescovo Toni ha bisogno che intensifichiamo le nostre preghiere”. La veglia è stata trasmessa in diretta, con oltre 14.000 visualizzazioni.

Il cardinale Joan Josep Omella e gli altri vescovi ausiliari, Sergi Gordo e Javier Vilanova, hanno invitato tutti a partecipare, sempre domenica, a una veglia di preghiera al Santuario di Nostra Signora del S. Cuore, alla quale erano presenti anche loro. La veglia è iniziata alle 20.30 ed è terminata alle 23.30.

Dopo la pubblicazione del post sono giunte numerose dimostrazioni di affetto da diverse comunità ecclesiali.

Toni Vadell, nato nel 1972 a Llucmajor, fu ordinato sacerdote a Mallorca nel 1998. Fu nominato ausiliare di Barcellona nel 2017. Si è sempre dedicato con grande intensità alla catechesi e, soprattutto a Barcellona, all’accompagnamento dei giovani. A luglio fu annunciata la riduzione delle sue attività, sebbene fino a pochi giorni fa fosse abituale la sua presenza agli eventi diocesani. Anche i giovani dell’arcidiocesi hanno organizzato incontri di preghiera per stare accanto al vescovo.