Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

(Laura Mor –CR) I rappresentanti della comunità educativa della scuola concertata (l’equivalente della scuola paritaria, ndt) hanno messo in guardia il Parlamento della Catalogna dal pericolo di sottovalutare “l'iniziativa sociale del Paese”. Lo hanno fatto martedì in un'apparizione davanti alla Commissione per l'Educazione, su richiesta del PSC (Partito socialista catalano). Nell'intervento hanno chiesto un miglior finanziamento che consenta l'istruzione gratuita anche nella loro rete e hanno difeso un modello di collaborazione pubblico-privato.

"Continueremo a indebolire l'iniziativa sociale in Catalogna o oseremo davvero costruire questo buon modello di co-governo?", ha chiesto Meritxell Ruiz, segretario generale della Fundació Escola Cristiana de Catalunya (Fondazione scuola cristiana di Catalogna). Lo ha fatto accompagnata dai rappresentanti dei titolari, delle famiglie e dei direttori, e da alcuni sindacati.

Ruiz ritiene che "le sfide attuali non possono essere risolte dalla sola amministrazione". Né in ambito economico, sociale, ambientale né educativo, ha affermato. E ha difeso la doppia rete educativa: "Siamo qui perché il modello di collaborazione pubblico-privato è necessario per il futuro".

Il presidente della Confederazione dei Centri autonomi di Educazione della Catalogna, Carlos Camí, ha espresso preoccupazione e sorpresa per il discorso di alcune organizzazioni politiche e fondazioni. "Pretendono di creare l'idea che la scuola concertata sia un'anomalia, mettendo in discussione la nostra ragion d'essere", ha detto. Nel suo intervento ha chiesto ai presenti: "Che cosa disturba della scuola concertata?". In questo senso, ha sottolineato che vengono accusati "di molte disfunzioni del sistema educativo". Ha fatto riferimento al dibattito sul costo della scuola concertata, all'equità e alla diversità e pluralità delle scuole. Per Camí, la scuola pubblica e quella concertata condividono lo stesso obiettivo: "Siamo compatibili e complementari, ci uniamo nel servizio educativo della Catalogna".

L’insieme della scuola concertata comprende 365.777 studenti e famiglie, più di 700 scuole e oltre 22.000 professionisti che offrono istruzione dall'età di zero anni per tutta la vita. Un gruppo che hanno definito "diverso" e "plurale" e che prevede "il dialogo con altri centri educativi e l’impegno sociale".

Ruiz ha ricordato che "tutte queste scuole sono organizzazioni senza scopo di lucro" e che sono nate per rispondere a bisogni socio-educativi molto diversi, come l’assistenza a persone emarginate o la protezione della lingua. "Oggi vogliamo continuare a fare questo lavoro, collaborando con il modello di scuola catalana", ha detto.

Tuttavia, ha evidenziato le difficoltà del settore: il basso tasso di natalità, la crisi economica che colpisce le famiglie e lo scarso investimento pubblico che finisce per essere compensato dalle famiglie.

Ruiz ha sostenuto: "Chiediamo solo che le nostre famiglie non debbano pagare per frequentare la scuola concertata: la cosa più discriminante è dover pagare per venire". E si è chiesta: "Se questo non accade nel sistema sanitario, perché non accade lo stesso nel sistema educativo?".