Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

(CR) La consigliera di Salute del Governo della Catalogna, Alba Vergés, ha annunciato giovedì che la capienza dei luoghi di culto per le cerimonie religiose torna al 50%. Dall’inizio di novembre, a causa del grande incremento di casi di Covid-19, la possibilità di assistere alle celebrazioni era limitata al 30%, con ripercussioni sui riti di Natale e della Settimana Santa.

Le misure annunciate entreranno in vigore lunedì 26 aprile. Inizialmente saranno in vigore per una settimana. Vergés e il consigliere degli Interni, Miquel Sàmper, hanno comunque chiesto “un atteggiamento di prudenza sia delle amministrazioni pubbliche che della cittadinanza”. L’aumento della capienza, infatti, si aggiunge ad altre misure di allentamento delle restrizioni sanitarie.

I membri del Governo catalano hanno ricordato che in ogni caso l’affluenza massima alle cerimonie religiose resta di 500 persone al chiuso e di 1000 all’aperto. Una misura che colpisce soprattutto centri di culto con grande affluenza.

La decisione di ampliare l’affluenza coincide con il mese del Ramadan. Le comunità islamiche avevano chiesto al Governo di rendere meno rigida la misura ma la risposta è stata negativa.