Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

(Tarraconense)  I formatori e i seminaristi del Seminario Maggiore Interdiocesano della Catalogna, alla presenza del vescovo delegato, l’arcivescovo Joan-Enric Vives, e dei due rettori, l’uscente Javier Vilanova, vescovo ausiliare eletto di Barcellona, e l’entrante Armand Puig, si sono riuniti on line lo scorso venerdì. In modo semplice è stato effettuato il cambio alla guida del seminario, che passa nelle mani di Armand Puig i Tàrrech, sacerdote di Tarragona, che manterrà anche il suo incarico di rettore dell’Ateneo Universitario Sant Pacià e la collaborazione con la parrocchia dei Santi Giusto e Pastore di Barcellona, vivendo nel Seminario interdiocesano.

L’incontro è servito perché in tempi di confinamento ogni seminarista potesse raccontare come sta vivendo in modo concreto il suo cammino formativo nelle attuali circostanze. L’arcivescovo di Urgell ha svolto una breve riflessione sul coraggio e la speranza in questi tempi di pandemia, ispirandosi al momento straordinario di preghiera di Papa Francesco dello scorso 27 marzo e sottolineando il valore della preghiera che deve sostenere la vita dei seminaristi e quella del futuro sacerdote, che in alcuni momenti sarà apparentemente solo ma sempre unito alla comunità e legato al vescovo e al presbiterio diocesano. Ha quindi presentato il nuovo rettore e ringraziato per il dono ecclesiale del vescovo ausiliare eletto di Barcellona e per la disponibilità del nuovo rettore.