Salta al contenuto principale
2 Catalunya Religió Mar 29/11/2022
evangelics-00
Galeria d'imatges

Lucía Montobbio —CR La chiesa evangelica di Betlemme a Barcellona festeggia centocinquanta anni di storia. Tutto iniziò con l'apertura di una scuola metodista nel quartiere di Clot nel 1871, a cui seguì la formazione della prima comunità metodista in Catalogna. Una comunità che rimane attiva dopo aver superato traversie come la dittatura del generale Franco, quando la sua chiesa fu bruciata e la loro fede perseguitate. La comunità vive questa ricorrenza come un invito del Signore a camminare. “Dio è sempre stato con noi, ha condiviso le sue benedizioni, ci ha sostenuto e ci ha dato forza”, afferma Víctor Hernández, attuale pastore della chiesa evangelica di Betlemme.

Hernández spiega che durante nel corso del 2022 sono state organizzate diverse attività per commemorare i centocinquant'anni della comunità. "Il culto di questa domenica è stata la conclusione di una festa che ha avuto diversi eventi durante questi mesi" spiega. Tutte le attività sono state liberamente accessibili e gratuite per i residenti del quartiere. E il fatto è che la Chiesa ha interagito con i residenti fin dall'inizio. Questo stesso interesse nel servire e amare i cittadini che vivono in diversi scenari di vulnerabilità è ciò che li ha portati a impegnarsi nel tessuto associativo catalano.

Hanno collaborato con altre associazioni e fondazioni che sostengono varie cause in difesa dei diritti umani. Ed è proprio per questo che, in mezzo a tanta festa, questo novembre la comunità ha ricevuto anche la medaglia del quartiere Sant Martí. Il pastore parla di un'impronta come cittadini “impegnati nel dialogo, nella coesione sociale e nella partecipazione a progetti che sostengono le persone in situazioni di povertà”.

Alfredo Abad, pastore e presidente della Chiesa evangelica spagnola, dice di questa festa che "deve essere un impegno per le libertà di fronte alla barbarie dell'esclusione, del sessismo e di qualsiasi barriera che una persona sente quando vive pienamente la propria fede". Per lui questa celebrazione è "un omaggio a tutti coloro che, immersi nel loro quartiere, hanno contribuito a una migliore coesione sociale".

Us ha agradat poder llegir aquest article? Si voleu que en fem més, podeu fer una petita aportació a través de Bizum al número

Immagine
Donatiu Bizum

o veure altres maneres d'ajudar Catalunya Religió i poder desgravar el donatiu.