Salta al contenuto principale
2 Catalunya Religió Mar 18/10/2022
ucraina-tarragona-centre-00
Fotografia: Arquebisbat de Tarragona.
Galeria d'imatges

ARQUEBISBAT DE TARRAGONA Un autobus con quaranta profughi ucraini, per lo più bambini e donne, è arrivato venerdì scorso nella casa di esercizi Cardenal Arce di La Selva del Camp. Questo nuovo gruppo si unisce alle quasi quaranta persone che attualmente sono ospitate in questo edificio dell'arcidiocesi di Tarragona.

L'arcivescovo di Tarragona, Joan Planellas, ha accolto i profughi, insieme al Console Generale dell'Ucraina a Barcellona, ​​​​Voroboyv Artem, al sindaco di La Selva del Camp, Jordi Vinyals, ad altre autorità locali, agli ucraini che già risiedono nella casa di esercizi e ai volontari delle varie organizzazioni che vi collaborano.

Mons. Planellas ha auspicato che questa casa possa essere "un'oasi di pace che possa irradiare luce nei nostri cuori e trasformarli in portatori di pace in mezzo alla guerra". A questo proposito, ha chiesto a tutti i credenti di pregare per la pace "e perché i cuori dei governanti delle nazioni cambino". "Senza le istituzioni e le ONG, questo piccolo miracolo che è questa casa non sarebbe stato possibile", ha detto l'arcivescovo. Ha anche ringraziato il lavoro delle due suore che hanno soccorso il gruppo appena arrivato: “Siete come due candele accese in mezzo al buio. Il Signore vi dia forza, vi accompagni e vi incoraggi a continuare”.

Us ha agradat poder llegir aquest article? Si voleu que en fem més, podeu fer una petita aportació a través de Bizum al número

Immagine
Donatiu Bizum

o veure altres maneres d'ajudar Catalunya Religió i poder desgravar el donatiu.