Salta al contenuto principale
Catalunya Religió
Galeria d'imatges

(Pere Francesch -ACN) Pubblicazioni dell'Abbazia di Montserrat nacque con la tipografia sorta a Montserrat nel 1499, promossa dall'abate Cisneros. Fino ad oggi ha mantenuto un'attività culturale pressoché ininterrotta. Insieme a Oxford e Cambridge, la casa editrice è una delle più antiche d'Europa e anche del mondo, afferma l'editore Núria Mañé, in un'intervista all'Agenzia di stampa catalana (ACN). Sostiene che il segreto è stato la tenacia, il servizio al Paese, il sapersi adattare e il lavoro ben fatto. E aggiunge che se dal 1499 né le guerre napoleoniche né la guerra civile sono riuscite a porre fine alla casa editrice, nemmeno un virus come il Covid-19ci riuscirà. "Siamo fiduciosi che andremo avanti", ha sottolineato.

La casa editrice indica il 1499 come anno di inizio di Pubblicazioni dell'Abbazia di Montserrat, poiché è quando fu installata una macchina da stampa nel monastero. "C'era una scrivania dove venivano copiati manoscritti come il 'Libro rosso di Montserrat' e dal 1499 fu installata una macchina da stampa per pubblicazioni e bolle per i pellegrini". Il suo promotore, aggiunge, fu l'abate Cisneros.

Inizialmente, la casa editrice si è concentrata sui libri religiosi e spirituali ed è stato nel XX secolo che è diventata una moderna casa editrice che, dagli anni '70, ha preso "un'altra velocità di crociera" sotto la direzione di Josep Massot. Cita, ad esempio, la Biblioteca Abat Oliba, che raccoglie libri di storia, e la collezione della Biblioteca Serra d'Or, che "porta contributi alla storia della letteratura". Sottolinea il lavoro svolto, soprattutto nei tempi in cui era più difficile pubblicare in catalano.

L'editrice sottolinea il lavoro ben fatto, con una vocazione al servizio del Paese, durante gli anni '70 e '80, un'epoca segnata dal "desiderio di creare una storia comune e sostenere le persone che volevano pubblicare testi sulla cultura catalana e sui Paesi catalani. Abbiamo cercato di fare il lavoro bene e con tenacia", aggiunge.

Attualmente, la casa editrice, il cui direttore è Josep Massot, ha un ampio fondo editoriale e le materie principali che copre sono storia, arte, saggi, studi di lingua e letteratura, religione, musica per le scuole, corsi di catalano, escursionismo e libri per bambini e ragazzi.

Oltre all’edizione di libri, pubblica regolarmente anche riviste come Serra d'Or, Studia Monastica, Qüestions de Vida Cristiana (Questioni di vita cristiana) e riviste per bambini e ragazzi. L'archivio ha tra 3.000 e 4.000 titoli pubblicati ed è dislocato tra la sede della casa editrice a Barcellona e l'Abbazia di Montserrat.

Mañé sottolinea che pubblicano libri sull'Abbazia e su Montserrat, libri di saggi giornalistici con la raccolta Magma diretti da Francesc-Marc Álvaro; libri dedicati all'insegnamento del catalano come la raccolta "Digui, digui" e attualmente "A punt", che ha una versione digitale interattiva e libri dedicati all'insegnamento della musica basati sul metodo Ireneu Segarra.

Alla domanda su come la pandemia abbia colpito la casa editrice, Mañé ammette che vengono da un periodo complicato, ma hanno saputo adattarsi nel miglior modo possibile. "Non ci occupiamo di narrativa per adulti, che è quella che ha avuto il maggior numero di lettori durante la pandemia, ma molti altri leggono saggi e i libri che facciamo".

Tra gli autori che sono passati per le Pubblicazioni dell'Abbazia di Montserrat, cita, tra gli altri, Lluis Duch, Hilari Raguer, Josep Massot e Josep Benet e, nel caso della letteratura per l'infanzia, autori come Joaquim Carbó. Mañé sottolinea che hanno iniziato a pubblicare libri di letteratura per bambini nel ‘73 quando non c'erano editori che li pubblicassero in catalano.

Per commemorare 500 anni di storia è stato pubblicato il volume "Cinquecento anni di Pubblicazioni dell'Abbazia di Montserrat", di Francesc Xavier Altés, Josep Massot e Josep Faulí, che ripercorre il lungo percorso editoriale del monastero.

Us ha agradat poder llegir aquest article? Si voleu que en fem més, podeu fer una petita aportació a través de Bizum al número

Donatiu Bizum

o veure altres maneres d'ajudar Catalunya Religió i poder desgravar el donatiu.