Salta al contenuto principale
2 Catalunya Religió Lun 10/10/2022
Fotografia: Bisbat de Tortosa.
Fotografia: Bisbat de Tortosa.

Jordi Llisterri  Perdonatemi il ritorno a un luogo comune dopo la promozione del vescovo di Tortosa a Valencia. Siamo passati dallo storico "Vogliamo vescovi catalani", al "Vogliamo buoni vescovi" di quando ci mandavano prelati con l'orzata nelle vene, fino al "Vogliamo vescovi ausiliari" per avere un organico di vescovi catalani. E ora arriviamo semplicemente al "Vogliamo vescovi". A Girona lo aspettano da mesi, e il nuovo (o nuovi) ausiliare di Barcellona dopo la morte del vescovo Toni Vadell non è ancora arrivato. Ora anche Tortosa è rimasta senza vescovo.

Solo una nota su Tortosa. A cavallo tra la Catalogna e il Paese Valenciano, è curiosamente una delle diocesi che più promuovono vescovi e da cui ne escono di più. I cardinali Ricard Maria Carles e Lluís Martínez Sistach sono passati da Tortosa prima di arrivare a Barcellona. Ora anche il vescovo Enrique Benavent diventa arcivescovo. Il suo clero ha fornito negli ultimi decenni i vescovi Francesc Xavier Ciuraneta, Romà Casanova e Javier Vilanova. Negli ultimi vent'anni, dal clero di Tortosa (o di Terrassa) sono usciti più vescovi che da Barcellona. E i due ecclesiastici catalani attualmente con maggior esperienza nella curia vaticana sono pure sacerdoti di Tortosa.

Dieci diocesi catalane. Due sono vacanti e altri quattro vescovi andranno in pensione al compimento dei 75 anni entro il 2025. Dalla primavera dello scorso anno l'arcivescovo di Barcellona, ​​Joan Josep Omella, è in regime di prorogatio ma tutti danno per scontato che non succederà nulla fino a quando sarà presidente della Conferenza episcopale spagnola. Il suo mandato a Madrid scade nel 2024, quando scade anche il suo secondo mandato come membro della Congregazione per i Vescovi in ​​Vaticano. Sono i due luoghi dove vengono scelti i vescovi. I vescovi sono scelti tra Madrid e Roma.

Girona è vacante da aprile per la morte del vescovo Francesc Pardo. E sembra che dovrà restare così ancora a lungo. Ora anche Tortosa è vacante senza Benavent. A Sant Feliu, il vescovo Agustí Cortés compie 75 anni in questo mese di ottobre. E siamo nello stesso scenario il prossimo anno a Lleida con Salvador Giménez, nel 2024 a Urgell con Joan-Enric Vives (con la complessa questione del co-principato di Andorra), e nel 2025 con Salvador Cristau a Terrassa. Una volta eliminato dall’equazione Xavier Novell, solo Joan Planellas a Tarragona, Romà Casanova a Vic e Francesc Conesa a Solsona hanno un mandato leggermente più lungo.

 

E cosa abbiamo a lungo termine? Ebbene, solo due ausiliari di Barcellona, ​​Sergi Gordo e Javier Vilanova. Vale a dire, in un momento in cui ci saranno almeno sette cambi nelle diocesi catalane (tra cui quella importante di Barcellona) abbiamo una scarsità di candidati.

Inoltre, sta accadendo qualcosa che sembrerebbe impossibile. Ci sono candidati che rinunciano. È difficile trovare vescovi. E con Josep Àngel Sáiz a Siviglia e Benavent a Valencia, sono sfumati due possibili candidati a sostituire Omella a Barcellona. Dei vescovi catalani, per età e se si escludono gli ausiliari, solo Planellas (con sempre meno possibilità), Casanova (che ne ha sempre avute poche) e Conesa (che è appena arrivato) potrebbero essere candidati per Barcellona.

Come andrà e come sarà la mappa episcopale catalana nei prossimi anni è impossibile da prevedere. Se si prolunga il pontificato di Francesco, a segnare il passo sarà il cardinale Omella. Ormai conosce abbastanza il clero catalano per sbagliare o per dover cercare a Valencia. E se ci sarà un cambiamento in Vaticano, Dio provvederà.

I posti vacanti dei prossimi anni sono una nuova opportunità perché emergano vescovi catalani come quelli che ci aspetta realmente. Vescovi che assomiglino il più possibile alla comunità che devono pascere e alla realtà della Chiesa catalana.

Temàtica

Us ha agradat poder llegir aquest article? Si voleu que en fem més, podeu fer una petita aportació a través de Bizum al número

Immagine
Donatiu Bizum

o veure altres maneres d'ajudar Catalunya Religió i poder desgravar el donatiu.