Salta al contenuto principale
Catalunya Religió Lun 25/04/2022
Galeria d'imatges

(CR) Una settimana dopo che la Chiesa cattolica ha celebrato la Risurrezione di Cristo, domenica scorsa l'hanno celebrata le Chiese ortodosse. In questo modo, 57 comunità in tutta la Catalogna hanno vissuto la Pasqua seguendo i propri riti e tradizioni.

Una delle comunità dove ogni anno si celebra la Pasqua con particolare intensità è la parrocchia ortodossa romena di Tarragona, che il sabato ha radunato centinaia di fedeli nella cappella del collegio San Paolo Apostolo di Tarragona per celebrare quella che viene chiamata la notte del Grande e Santo Sabato.

Allo stesso modo della Chiesa cattolica, i fedeli hanno iniziato la celebrazione portando delle candele spente, che accese poi da una delle lampade sull'altare. Ecco perché il suo rettore, padre Vasile Balaltaretu, ammette che non c'è tanta differenza, come si potrebbe pensare, tra la Pasqua cattolica e quella ortodossa: «Sono molto simili, siamo tutti uniti dalla Risurrezione di Cristo, che è il fondamento della nostra fede. C'è solo una differenza nel calendario, ma il senso liturgico, di gioia e di fede è molto simile».

Lo stesso Vasile Baltaretu riconosce che la celebrazione di quest'anno ha assunto un carattere più emozionante per la presenza dei riugiati ucraini, che in questi ultimi mesi hanno frequentato la sua parrocchia: “Nonostante le messe in rumeno, molti ucraini cercano una chiesa ortodossa. Li aiutiamo come possiamo e consigliamo loro di frequentare la comunità ortodossa di La Pineda, dove la celebrazione è in russo e possono seguirla meglio”.

È proprio in questa comunità che celebra le messe nel Santuario di Nostra Signora della Pineta, dove si è radunato un numero maggiore di profughi ucraini, che hanno condiviso la celebrazione della Pasqua con fedeli russi e di altre nazionalità: “Attualmente, metà dei fedeli sono ucraini e il resto viene dalla Russia e da altri paesi dell'ex Unione Sovietica, come la Georgia o la Moldova”, dice Katya.

È membro di questa parrocchia sin dalla sua nascita nel 2008, quando la comunità iniziò a celebrare la messa nella chiesa di Sant'Antonio da Padova a Tarragona. Quattro anni dopo, nel 2012, grazie alla collaborazione dell'Arcidiocesi di Tarragona, ottennero il permesso di celebrare nell'eremo di La Pineda. Da dieci anni più di cento parrocchiani si incontrano ogni fine settimana con padre George Pinko, che viene da Barcellona.

Nonostante i loro paesi siano nel mezzo di una guerra, nella comunità di Katya la fratellanza tra il popolo russo e quello ucraino è più forte che mai, e si è potuta apprezzare sin dalla cerimonia della benedizione del cibo fatta sabato pomeriggio alla fine della celebrazione: “Prima della Messa, si benedice sempre tutto il cibo portato dai parrocchiani, come uova di Pasqua, torta al formaggio e una specie di panettone (Kulitx). Dopo la messa, a mezzanotte, siamo rimasti tutti a condividere un pasto e la felicità di Cristo risorto”, spiega.

Oltre a condividere la celebrazione pasquale, sia le parrocchie di La Pineda che quella di Tarragona aiutano da settimane i rifugiati ucraini con quello che possono. A questo proposito, padre Vasile spiega che la sua collaborazione con il popolo ucraino spazia dalla donazione di cibo e denaro all'accoglienza. Questa collaborazione ha portato alcune famiglie che vanno a messa ad accogliere alcuni profughi di guerra in casa loro: “Una parrocchiana di Torredembarra ha accolto una donna che veniva dall'Ucraina, e un'altra famiglia di Vilaseca ospita una madre ucraina con il figlio”.

Anche la parrocchia di La Pineda, dal canto suo, sta facendo di tutto per aiutare: “Ci sono diversi profughi ucraini nell'hotel La Hacienda de la Pineda. Forniamo loro informazioni, trasporti, abbigliamento e tutto ciò di cui hanno bisogno. Vorremmo organizzarci per inviare aiuti in Ucraina come hanno fatto da Barcellona, ​​ma con le risorse che abbiamo in questo momento non possiamo fare di più”, conclude Katya.

 

Us ha agradat poder llegir aquest article? Si voleu que en fem més, podeu fer una petita aportació a través de Bizum al número

Immagine
Donatiu Bizum

o veure altres maneres d'ajudar Catalunya Religió i poder desgravar el donatiu.