Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

Per saber-ne més

(Càritas Catalunya) Con il motto “Questo Natale ogni portone è importante” le 10 Caritas catalane tornano a riunire le forze per la campagna di Natale di quest'anno. La campagna, che sarà presente sui principali mezzi di comunicazione catalani per tutto il mese di dicembre, è un appello alla collaborazione economica della cittadinanza, per mettere in pratica la generosità con le persone che si trovano nelle situazioni più precarie di una società ferita, molto più povera, fragile e vulnerabile.

Il motto di quest'anno pone l'accento sul concetto di “portone”. “Gesù si trovava in una stalla, solo con un po’ di paglia, un piccolo focolare e una mangiatoia di fortuna. Fortunatamente, e con l'aiuto di tutte le persone che andarono a visitarli, Giuseppe Maria e il loro figlio Gesù riuscirono ad andare avanti” ha spiegato Francesc Roig, presidente di Caritas Catalogna.

Queste feste arrivano con poca voglia di luci per molte famiglie che Caritas accompagna in Catalogna, perché la povertà colpisce molti portoni e appartamenti che sono accanto a casa nostra. Ogni portone, la porta di qualsiasi domicilio, racchiude la storia di una persona o di una famiglia. Caritas è stata testimone delle gravi conseguenze lasciate dal Covid nelle nostre vite ma soprattutto nelle vite delle famiglie più vulnerabili.

Malgrado il difficile contesto, l'associazione ha ricordato che Natale è un tempo di speranza, di unione e che bisogna moltiplicare gli sforzi per costruire una società migliore. Nel 2020 le 10 Caritas della Catalogna hanno accompagnato 141.194 famiglie in cui vivono 272.702 persone, il 26% in più rispetto al 2019. Il 44% delle persone assistite non hanno un’abitazione dignitosa e il 20,2% vive in famiglie che non possono contare su alcun introito economico. “In molti portoni della Catalogna non ci sono né buoi né asini ma ci sono famiglie che non arrivano alla fine del mese” ha concluso il presidente di Caritas.