Salta al contenuto principale
2 Catalunya Religió Dom 30/10/2022
Missa Sant Narcis 2022
[Foto: Bisbat de GIrona]

(CR) Feste di Sant Narcís a Girona. Quest'anno senza vescovo, dopo la morte di Francesc Pardo lo scorso 1 aprile. Ecco perché quest'anno la messa solenne di Sant Narcís, patrono della città, è stata presieduta sabato mattina da don Lluís Suñer, amministratore diocesano, nella basilica di Sant Feliu.

Nell'omelia l'amministratore diocesano non ha fatto alcun cenno alla situazione della diocesi di Girona, in attesa di un nuovo vescovo un anno e mezzo dopo le dimissioni di mons. Pardo, presentate al compimento dei 75 anni, e sei mesi dopo la sua morte. Ma ne ha fatto riferimento all'inizio della celebrazione e ha detto che la messa di Sant Narcís si è svolta "in modo insolito, senza vescovo". Ha spiegato che "siamo in un periodo di attesa, sperando che non sia troppo lungo. Tutte le diocesi hanno bisogno di un vescovo e noi abbiamo bisogno di un vescovo". Suñer fu eletto amministratore diocesano per governare la diocesi alla morte di Pardo per un periodo provvisorio che tutti speravano fosse più breve.

Suñer ha tenuto un'omelia rivolta a tutti e incentrata sul senso della festa e della convivenza. “La città - la convivenza umana - si costruisce con qualcosa di più di un piano urbanistico o di mobilità. Sono necessari valori e criteri validi. E i valori non si vendono in nessun reparto dei supermercati né possono essere legiferati da alcun consiglio comunale", ha detto, approfittando della celebrazione più importante dell’anno nella diocesi di Girona e della presenza delle autorità.

A questo proposito, ha assicurato che "se investissimo nell'educazione alla convivenza e in valori, metà del tempo che investiamo in fatica e denaro negli armamenti, o nello sport come impresa, alzeremmo sicuramente l'asticella del rispetto e della convivenza". E poi ha fatto riferimento alla necessità di creare un clima di onestà nei rapporti di lavoro, di sincerità nei rapporti familiari, un clima di solidarietà con chi soffre di più le conseguenze della crisi economica ed è a rischio di esclusione sociale o di povertà estrema, un clima di dialogo tra le diverse religioni o culture e perché le diverse opzioni politiche trovino strade di dialogo e comprensione per lavorare insieme per una società più giusta e solidale.

È un appello rivolto “a tutti: credenti e non credenti, cattolici, evangelisti, musulmani o di altre religioni” e che è più esigente per coloro che “si professano credenti in Gesù risorto”.

L'omelia è stata anche una riflessione su celebrazioni come la festa patronale. “Il contenuto profondo della festa non sono i fuochi d'artificio” e “per vivere con umanità ci vuole qualcosa di più del “panem et circenses” dei romani: per vivere con umanità ci vuole il pane dello spirito: criteri, cultura, valori come giustizia, pace, rispetto, bene".

Don Suñer ha spiegato che ogni festa è inseparabile dalla celebrazione ma che “non possiamo confondere la festa con le vacanze o con il semplice divertimento. Il divertimento è necessario, ma divertirsi non è lo stesso che celebrare qualcosa". Per questo ha avvertito che “ciò che spesso ci accade è che stiamo svuotando di senso la nostra vita sociale e culturale, e addirittura la vita cristiana”. E questo ci porta a una situazione in cui “spesso non sappiamo cosa stiamo celebrando. O semplicemente non celebriamo nulla". "A molti non importa se è Saint Narcís, carnevale o Natale" ha concluso.

Us ha agradat poder llegir aquest article? Si voleu que en fem més, podeu fer una petita aportació a través de Bizum al número

Immagine
Donatiu Bizum

o veure altres maneres d'ajudar Catalunya Religió i poder desgravar el donatiu.