Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

Alcune madri badesse e priore dei monasteri catalani hanno espresso il loro “dolore” e “rifiuto della sentenza” del Tribunale Supremo. Le responsabili di cinquè comunità femminili della Catalogna hanno diffuso un breve comunicato congiunto per esprimere la loro opposizione alle condanne dei leaders politici e sociali indipendentisti e per chiedere “che si rispetti la verità, si lavori per il dialogo e si cerchi sempre la pace”. Nella nota si offre anche “il sostegno alle persone imprigionate e alle loro famiglie”, oltre che alla “difesa pacifica della libertà e della giustizia”. Il comunicato è firmato dalle badesse di Sant Pere de les Puel·les, Esperança Atarés, di Sant Benet de Montserrat, M. del Mar Albajar, di Santa Maria de Vallbona de les Monges, Núria Camprubí, e dalle priore di Sant Daniel de Girona, Assumpció Pifarré, i Santa Maria de Valldonzella, Núria Illas.

Nel settembre 2017 per la prima volta le badesse cistercensi e benedettine fecero un comunicato congiunto per protestare contro i primi arresti ribadendo il “rifiuto dell’uso della forza e della violazione dei diritti del governo e del popolo catalano”. Dopo il referendum del 1 ottobre 2017, insieme agli abati dei monasteri maschili, ricordarono che “il movimento politico e sociale catalano è sempre stato immensamente e maggioritariamente pacifico” e che “pretendere di fermarlo con la violenza non è giustificabile né proporzionato, e nemmeno elimina o risolve il problema ma lo aggrava”.

 

Aquest és el text del comunicat:

COMUNICAT

Les abadesses i priores dels monestirs femenins catalans de Sant Pere de les Puel.les, Sant Daniel de Girona, Sant Benet de Montserrat, Santa Maria de Vallbona de les Monges i Santa Maria de Valldonzella expressem la nostra tristor i el nostre rebuig per la sentència.

Demanem que es respecti la veritat, es treballi pel diàleg i es cerqui sempre la pau.

Expressem el nostre suport a les persones empresonades i a les seves famílies, i a la defensa pacífica de la llibertat i la justícia.

Esperança Atarés, Assumpció Pifarré, M. del Mar Albajar, Anna M. Camprubí i Núria Illas