Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

Galleria di immagini

(Laura Mor –CR) Più di mille persone hanno salutato il vescovo Antoni Vadell in una commovente celebrazione lunedì mattina nella cattedrale di Barcellona. La diocesi ha ricordato l'impronta che ha lasciato in tante persone, nelle parrocchie e la sua particolare dedizione ai giovani e alla catechesi.

"È sempre doloroso seppellire una persona cara. Oggi abbiamo il cuore spezzato per la morte del nostro caro Vescovo Ausiliare di Barcellona”, ha detto il cardinale arcivescovo di Barcellona, ​​Joan Josep Omella. Ha iniziato così l'omelia della Messa che ha presieduto accompagnato nel presbiterio da altri 25 vescovi, catalani e di altre diocesi fuori dalla Catalogna, tra cui il cardinale Lluís Martínez Sistach, arcivescovo emerito di Barcellona, l'arcivescovo di Tarragona Joan Planellas e il vescovo di Maiorca Sebastià Taltavull, nonché gli abati Manel Gasch, di Montserrat, e Octavi Vilà, di Poblet, oltre a un gran numero di sacerdoti.

In questo contesto, Omella ha parlato di Vadell come di "un fratellino che amo di cuore" e ha detto che "piangono anche l'arcivescovo, i vescovi ausiliari e tutta l'arcidiocesi". Parlando del suo episcopato, ha ringraziato la dedizione agli altri, sempre indaffarato su e giù: “Gli mancava il tempo per andare dappertutto, non si fermava mai”, ha detto. Ha parlato anche della sua capacità comunicativa: "Ci ha sempre sorpreso con la sua catechesi e la sua predicazione".

Al funerale hanno partecipato, oltre a familiari e amici, le badesse Maria del Mar Albajar di Montserrat e Esperança Atarés di Sant Pere de les Puel·les, vicari generali ed episcopali delle diocesi catalane, delegati episcopali e seminaristi delle diocesi, delegati del Segretariato Interdiocesano di Catechesi che Vadell presiedeva. Erano presenti anche rappresentanti di diverse istituzioni ecclesiastiche, come Escola Cristiana, la Caritas, la Fondazione Pere Tarrés, l'Università Ramon Llull; e rappresentanti delle forze di sicurezza e delle istituzioni politiche, come il consigliere di Barcellona Albert Batlle, il direttore generale degli Affari religiosi della Generalitat, Yvonne Griley, il sindaco di Llucmajor, Éric Jareño.

Al termine della celebrazione, il diacono di Barcellona, ​​Ramon Ollé, ha ringraziato la famiglia. "Non era solo un grande leader", ha detto del vescovo Vadell, e ha parlato della sua "personalità attraente", che generava attrazione "con umiltà e discrezione". E ha ripreso un'espressione che Vadell rivolgeva ai catechisti della Catalogna e delle Isole Baleari: "Dobbiamo perdere la paura di dire che siamo innamorati di Cristo".

Ollé ha parlato anche della testimonianza che ha donato in quest'ultima tappa di sofferenza. Ha parlato di come ha vissuto la "silenziosa quotidianità delle terapie" e ha ammesso che “trovava forze lì dove non ce n’erano”. In Vadell ha visto “un nuovo Cristo sulla croce” e nelle ultime Messe che ha officiato, l'Eucaristia come “chiara visione del sacrificio e della risurrezione”.

Il vescovo ausiliare Sergi Gordo ha espresso le condoglianze alla diocesi a nome di Papa Francesco attraverso un comunicato della Santa Sede.