Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

Per saber-ne més

Enllaços relacionats

(CR) È don Joan Cuadrench il primo sacerdote catalano morto a causa del coronavirus. È scomparso venerdì scorso, 20 marzo. Sacerdote diocesano e rettore nei quartieri di Verdum e Roquetes a Barcellona, aveva 77 anni. Dieci giorni prima l’Arcidiocesi aveva reso noto che il sacerdote era risultato positivo al Covid 19 e che erano stati messi in atto i protocolli sanitari di isolamento delle persone che erano entrate in contatto con lui.

Joan Cuadrench i Aragonès era rettore delle parrocchie di San Sebastiano e Santa Maria Maddalena. È stato vicario episcopale con l’arcivescovo Lluís Martínez Sistach, coordinatore delle parrocchie della zona nord della città e arciprete di Trinitat-Roquetes.

Il suo percorso pastorale è legato alle parrocchie nei quartieri periferici e popolari fino al 2001 quando fu nominato parroco di S. Sebastiano. Era molto radicato nel paese e promotore della lingua e della cultura catalana, impegno combinato con una forte dedizione sociale. A Roquetes promosse la creazione del servizio di distribuzione alimentare alle famiglie bisognose. Era legato al gruppo di sacerdoti operai di El Padró. Aveva anche promosso il lavoro congiunto tra parrocchie e sacerdoti del quartiere. Era noto come una persona di carattere, di vita austera e molto amato dai fedeli. A 77 anni era ancora pienamente attivo, anche con iniziative per i giovani come il Cateclub, e dedicava molte ore ad assistere persone e alle visite ai malati.