Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

Galleria di immagini

(Jordi Llisterri-CR) La domanda forse è perché non si è fatto prima. Tre delle principali chiese nel centro di Barcellona, importanti per il turismo, hanno dato vita ad una iniziativa promozionale congiunta. Con il marchio “Medieval Soul” (Anima Medievale) si potrà acquistare un biglietto unico per visitare la Cattedrale, la Basilica di S. Maria del Mar e l’antico convento di Sant Pau del Camp, con la prospettiva di estendere il circuito ad altri edifici ecclesiastici.

Giovedì scorso i responsabili di questi tre templi hanno presentato l’iniziativa nella guglia della Cattedrale, il punto più alto della facciata. Josep Maria Turull, canonico e direttore del Segretariato per il turismo, i pellegrinaggi e i santuari dell’Arcivescovato di Barcellona, ha illustrato l’iniziativa con il decano del Capitolo della Cattedrale, Josep Ramon Pérez, il rettore di S. Maria del Mar, Salvador Pié, e l’amministratore parrocchiale di Sant Pau del Camp, Joan Cabot.

Un unico biglietto, al costo di 14 euro (10 ridotto) permetterà l’ingresso alle tre chiese per tre giorni consecutivi. Si potrà acquistare su internet o direttamente alle biglietterie.

Il brand “Medieval Soul” serve a sottolineare “il peculiare apporto che la Chiesa ha sempre fornito alla vita della città attraverso la cultura, il culto e la carità”. Vuole anche offrire ai turisti un profilo proprio delle visite alle chiese, spazi che offrono “un’esperienza di pace e di gioia a chi vi entra” ha detto padre Turull.

Ogni anno, la cattedrale riceve oltre 2,5 milioni di visite, 600.000 delle quali con ingresso turistico. Sono 75.000 quelle di S. Maria del Mar e 10.000 quelle di Sant Pau del Camp. Alcune aree sono accessibili solo con questo tipo di visite, come i tetti della Cattedrale e di S. Maria del Mar. Joan Cabot ha spiegato che sebbene Sant Pau del Camp sia il più modesto dei tre templi, rappresenta 900 anni di presenza a Barcellona e vi si può ancora vedere come era un monastero dell’epoca. La parte monastica, con il chiostro, la sala capitolare e gli edifici annessi, “sono gioielli poco conosciuti”.