Voleu rebre les notícies?

Subscriviu-vos al butlletí gratuït

Nella presentazione del viaggio di Francesco in Brasile che è stata fatta questa mattina in Sala Stampa vaticana è stato spiegato che nel volo di andata da Roma a Rio de Janeiro di lunedì prossimo il Pontefice incontrerà i giornalisti salutandoli uno a uno e scambiando qualche battuta informale con loro. Ma non terrà la conferenza stampa “preparata” (i giornalisti potevano inviare le loro domande scritte in anticipo, senza sapere se sarebbero state scelte per essere poste al Papa e ricevere risposte).

L’incontro con i giornalisti e il saluto uno ad uno riporta l’orologio ai tempi in cui Giovanni Paolo II stava bene in salute, si muoveva senza problemi, ed era solito -nelle tratte intercontinentali lunghe – passare a salutare i giornalisti dialogando con loro. Nel corso del pontificato di Benedetto XVI le conferenze stampa sull’aereo si sono svolte in modi diversi: con domande libere (come avvenuto proprio per la visita in Brasile nel maggio 2007), con domande preparate e selezionate dal portavoce, ma poi effettivamente pronunciate da alcuni giornalisti (come avvenuto nel viaggio in Usa del 2008), con domande preparate, selezionate e poste al Papa da padre Lombardi (questo è stato lo schema più usato).

Papa Ratzinger, anche nei viaggi intercontinentali più lunghi, non ha mai incontrato i giornalisti salutandoli uno ad uno. Ci sono stati però casi – ad esempio nel viaggio in Australia (2008) e in Africa (2009) in cui il Pontefice è venuto a dire qualche parola sulla visita compiuta anche nel volo di ritorno.

La conferenza stampa durante il volo di andata, negli ultimi anni, aveva in qualche caso provocato come effetto mediatico non voluto quello di oscurare in qualche modo il viaggio che il Pontefice stava compiendo, come avvenne nel marzo 2009 per la visita in Camerun e Angola, quando le parole di Benedetto XVI sul preservativo fecero il giro del mondo: non vennero immediatamente chiarite e contestualizzate dai collaboratori, e la polemica divampò in tutto il mondo, oscurando di fatto il viaggio in Africa e i suoi contenuti.